Concorso-Docenti_news_scuola_cervantes

Aggiornamenti Concorso docenti 2021: il punto della situazione

Le prove del concorso straordinario di cui al DD n. 510 del 23 aprile scorso, come risaputo, sono state sospese a causa dell’emergenza sanitaria. Al momento il divieto di espletamento dei concorsi è valido fino al 15 gennaio 2021 e per il Ministero, nonostante abbia espresso più volte la volontà di riprendere le prove quanto prima, non è stato possibile né prevedere un calendario né comunicare quanto tempo intercorrerà tra la comunicazione del calendario e l’espletamento delle prove.

 

Il Ministro dell’Istruzione Lucia Azzolina, intervenuta nel corso del programma radiofonico Tutti in classe di Radio 1, ha così chiarito: “Il concorso straordinario riprenderà, il 75% delle prove è stato svolto, i commissari potranno iniziare a correggere le prove già svolte, al più presto termineremo le prove di quel concorso, mancano 4 giorni per finire. Poi partirà il concorso ordinario.

 

Con la nota 712 del 7 gennaio 2021 il Ministero, a proposito del concorso straordinario, ha informato che dall’8 gennaio è operativa e disponibile la piattaforma per la valutazione delle prove scritte da parte delle commissioni giudicatrici.

 

Concorsi ordinari

Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I e II grado

Per quanto riguarda i concorsi ordinari non c’è ancora una data esatta e le domande rimangono cristallizzate al 31 luglio 2020, per cui non è possibile cambiare regione o inserire diversa classe di concorso, così come non è permesso ai neolaureati della sessione autunnale di presentare la domanda. In ogni caso le prove dovrebbero svolgersi entro il 2021 ma con forti dubbi sulla possibilità di poter concludere le procedure in tempo utile per le immissioni in ruolo dell’anno scolastico 2021/22.

 

Gli Uffici Scolastici, come prima operazione, in base al numero delle domande pervenute, dovranno stabilire per ogni classe di concorso e regione se sarà necessaria o meno la preselettiva per i due concorsi ordinari.

La prova preselettiva si rende infatti necessaria qualora il numero dei candidati sarà superiore a quattro volte il numero dei posti messi a concorso e, comunque, non inferiore a 250.

In ogni caso la batteria dei test sarà pubblicata almeno venti giorni prima rispetto alla prova.

 

Fonte: orizzontescuola.it