Insegnare inglese alla scuola primaria: ecco come fare - scuola cervantes

Graduatorie provinciali e di istituto: come si controlla la certificazione linguistica

I docenti della scuola primaria per poter insegnare la lingua inglese devono possedere uno dei seguenti requisiti:

  • superamento di un concorso per esami e titoli a posti d’insegnante della scuola primaria con il superamento della prova di lingua inglese, oppure superamento delle sessioni riservate per il conseguimento dell’idoneità nella scuola elementare con superamento della prova di lingua inglese;
  • attestato di frequenza dei corsi di formazione linguistica metodologici in servizio autorizzati dal Miur;
  • possesso di laurea in Scienze della formazione primaria o di laurea in Lingue straniere valida per l’insegnamento della specifica lingua straniera nella scuola secondaria (con abilitazione all’insegnamento nella scuola primaria);
  • certificato rilasciato dal Ministero degli Affari Esteri attestante un periodo di servizio di almeno 5 anni prestato all’estero con collocamento fuori ruolo relativamente all’area linguistica inglese della zona in cui è stato svolto il servizio all’estero.

 

Concorso ordinario infanzia e primaria inglese

Per quanto riguarda il prossimo concorso per la scuola primaria e dell’infanzia, i partecipanti al concorso – nell’ambito della prova scritta – dovranno rispondere ad un quesito, articolato in otto domande a risposta chiusa, volto alla verifica della comprensione di un testo in lingua inglese almeno al livello B2 del QCER (Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue).

Ciò al fine di conseguire l’idoneità all’insegnamento della lingua inglese. L’idoneità potrà essere conseguita se il candidato supera la prova con l’attribuzione di punteggio pari o superiore a 3.

 

Per insegnare inglese alle elementari è necessaria la laurea

Uno dei requisiti per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria e dell’infanzia è il possesso della laurea in lingue e letterature straniere che abbia previsto nel piano di studi il superamento di almeno 3 esami di lingua e letteratura inglese, a condizione che si possieda, congiuntamente, l’abilitazione all’insegnamento nella scuola primaria o dell’infanzia.

Costituisce titolo valido per l’insegnamento della lingua inglese nella scuola primaria la laurea in Scienza della formazione primaria, purché il piano di studi abbia previsto il superamento di almeno un esame di lingua inglese come precisato con la FAQ n. 23 emessa dal MIUR in occasione dell’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento per il triennio 2014/2017.

 

Certificazioni linguistiche: sono valide per insegnare inglese alle elementari?

Tra i titoli indicati per insegnare inglese alle elementari non rientra il possesso di una certificazione linguistica anche se rilasciata da enti certificatori riconosciuti dal MIUR o dopo la frequenza dei corsi Universitari finalizzati all’acquisizione della metodologia CLIL. Sono validi invece gli attestati di frequenza dei corsi di formazione linguistica metodologici in servizio autorizzati dal Miur.

 

 

Fonte: orizzontescuola.it

Maturità 2021, Azzolina: "Su esame terremo conto della situazione"

Certificazioni linguistiche: come ottenere fino a 9 punti in graduatoria

Il nuovo aggiornamento della Tabella valutazione titoli delle graduatorie GPS 2020/2022 ha valutato maggiormente il punteggio attribuito alle certificazioni linguistiche e al corso CLIL, il quale conferisce infatti 3 punti in graduatoria, se abbinato ad una certificazione linguistica. Ad esempio:

– CLIL + inglese B2: 6 punti

– CLIL + inglese C1: 7 punti

– CLIL + inglese C2: 9 punti

 

Le Certificazioni Linguistiche

La conoscenza almeno intermedia di una lingua europea, in particolare l’inglese, è ormai requisito indispensabile per lo studio e per il lavoro.

Il possesso di una certificazione linguistica in particolare è richiesto anche a docenti e aspiranti docenti, e il possesso del titolo viene riconosciuto come punteggio nelle Graduatorie Provinciali (GPS). La certificazione B2 conferisce 3 punti, la C1 4 punti e la C2 6 punti nelle GPS.

 

Cos’è il corso CLIL

Il CLIL (Content and Language Integrated Learning) è un metodo che prevede l’apprendimento integrato di contenuti disciplinari in una lingua straniera veicolare. Ciò si concretizza nell’insegnamento di alcune materie curriculari della scuola secondaria in lingua straniera. Non si tratta quindi del semplice insegnamento di una lingua (come l’inglese o lo spagnolo) ma dell’insegnamento di una disciplina non linguistica (come la storia o la fisica) in una lingua straniera appartenente al piano di studi dello studente.

La metodologia CLIL si sta diffondendo in maniera capillare in tutta Europa, come si evince dalla Raccomandazione della Commissione Europea Rethinking Education del 2012.

Fonte: orizzontescuola.it

Graduatorie provinciali e di istituto certificazioni linguistiche - scuola cervantes

Graduatorie provinciali e di istituto: come si controlla la certificazione linguistica

Graduatorie provinciali e di istituto: come si controlla la certificazione linguistica e le FAQ del Ministero

Graduatorie provinciali e di istituto per il biennio 2020/21 e 2021/22: grande responsabilità per le segreterie scolastiche quella di dover mettere ordine ad elenchi che per l’impellenza delle nomine, sono stati utilizzati solo dopo una sommaria valutazione.

Il Ministero, con nota dell’11 settembre 2020, ha ricordato alle segreterie scolastiche l’iter per il controllo, a partire dal titolo di accesso.

 “Certificazioni linguistiche: si raccomanda di verificare il rilascio di tali certificazioni da parte degli enti certificatori riconosciuti dall’Amministrazione e reperibili al link https://www.miur.gov.it/enti-certificatori-lingue-straniere.”

Quindi, affinché la certificazione linguistica sia valida è necessario che l’ente compaia nell’elenco indicato dal Ministero.

 

Le FAQ del Ministero

Durante la fase di compilazione delle domande il Ministero ha inoltre chiarito che, a differenza del precedente triennio, “NON sono pertanto riconosciute le certificazioni rilasciate dai Centri linguistici di Ateneo”.

Per quanto riguarda la certificazione linguistica conseguita all’estero, il Ministero precisa “Siccome gli Enti certificatori riconosciuti appartengono a circuiti internazionali, non occorre alcun riconoscimento italiano del titolo. In questo caso occorre NON SELEZIONARE la voce che chiede gli estremi del riconoscimento”

 

Fonte: orizzontescuola.it